FASHION YOUR WEDDING

Instagram Feed

Call Us +39 392 35 46470

Via Sterpulino 11, Pisa

Follow Us
shabby chic

Matrimonio shabby chic e lo stile romantico

L’ultimo grido nella decorazione è lo stile shabby chic

Matrimonio shabby chic: tutti ne parlano ma non tutti sanno che cosa sia precisamente.

Lo stile shabby chic è uno stile d’arredamento.
La parola shabby significa letteralmente usurato, invecchiato, logoro, mentre il termine chic significa “di un eleganza raffinata”.

Quindi lo shabby chic indica uno stile in cui mobili vecchi e ormai logori sono recuperati con nuove lacche che li rendono estremamente eleganti e raffinati.

Il temine fu coniato da una rivista d’interni negli anni ’80 a identificare una nuova tecnica decorativa di interior design.

Questo stile è nato in Gran Bretagna, dove i primi barlumi si intravvedevano nelle belle e grandi case di campagna.
Elementi tipici, quali divani chintz (robusto tessuto di cotone) sciupati, vecchie pitture, carte da parati, tende candide, grandi lampadari, erano presenti in ogni casa signorile.
Non a caso lo shabby chic ha molto in comune con gli arredi d’epoca, soprattutto quelli in stile vittoriano, anche se è l’elemento glamour ed eccentrico a rendere lo shabby chic “diverso” rispetto a tutti gli altri stili di interior design.

Si parla di arredare una casa in stile shabby quando non solo ci si riferisce al mobilio ma anche a tutti quei complementi d’arredo come tende, tappeti, copriletti, carte da parati e lampadari che creano un’armonia nel loro insieme. Perfino i colori alle pareti sono fondamentali. Tutto sembra essere messo lì per caso invece è l’attento studio che esalta la semplicità e crea un effetto romantico e luminoso.

Oltre alla casa di campagna inglese, alle influenze d’epoca e vittoriane, lo shabby chic trae la sua ispirazione da una vasta gamma di stili di arredamento, come quello svedese, quello francese risalente agli incantevoli castelli della Loira, e persino allo stile shakers americano, per il quale l’essenziale semplicità regna sovrana.

Grazie al design lo stile shabby passa dall’arredo al matrimonio diventando in breve tempo uno tra i più alla moda.

Per un effetto shabby chic scegliete mobili in legno antichi ricchi di intarsi o dalle forme rotondeggianti. Il legno non deve essere perfetto, ma deve sembrare come se fosse stato appena tirato fuori dalla soffitta della nonna.
Le tonalità dello shabby chic, poi, vanno dal beige all’avorio, al grigio chiaro e, naturalmente, al bianco.

Se volete che il vostro matrimonio sia in sitle shabby chic, dovrete seguire qualche accorgimento: dalla scelta dei materiali a quella dei colori rigorosamente in tonalità pastello, ma anche gli inviti, le bomboniere, il vestito da sposa fino alla location del ricevimento dovranno essere perfettamente in tema.

Gli inviti per gli ospiti potranno essere realizzati usando della carta antica con delle stampe di fiori, rigorosamente scritti a mano, meglio se con inchiostro dorato.

Anche le bomboniere dovranno essere realizzate rigorosamente a mano a ricordare i prodotti che confezionavano le vostre nonne.

L’abito da sposa sarà un super classico, bianco o avorio, con un corpetto a cuore senza spalline, impreziosito con del pizzo, e un’ampia gonna.

Per il bouquet shabby chic un classico da suggerire è un mazzo di peonie rosa annodato con un bel nastro bianco o avorio.

Per  le scarpe andrà benissimo il classico decolleté. Per il colore, potete fare un pendant con il vestito, oppure scegliere un colore che ricordi quello del bouquet.

L’abito delle damigelle sarà invece un abito semplice, vintage e un po’ romantico di una tonalità che riprenda il colore dei fiori del bridal bouquet.

Ovviamente, il luogo del ricevimento dovrà ispirarsi alle regole dello shabby chic, preferendo un matrimonio all’aperto piuttosto che indoor. Perfetti l’agriturismo o una cascina.

I fiori scelti per il luogo dove si svolgerà la cerimonia avranno toni delicati. Si possono usare le ortensie, peonie, rose o camelie. Qui trovi qualche consiglio.

Le decorazioni per la sala del ricevimento vedranno romantiche candele, lanterne in ferro battuto ricolme di fiori di campo e ghirlande.

Per la tavola potete utilizzare dei vecchi tavolacci di legno senza tovaglia, ma se desiderate invece un effetto ancora più elegante, c’è un solo tessuto da utilizzare: il lino!

Le pietanze dovranno essere servite su piatti di ceramica dipinti a mano, come quelli che si trovavano nelle credenze delle nonne.

 

No Comments

Leave a reply