FASHION YOUR WEDDING

Instagram Feed

Sposarsi ai tempi del Covid-19

Da un mese sono ripresi i matrimoni in Chiesa, tuttavia ci sono una serie di regole da rispettare. Di seguito ti riporto quanto contenuto nell’allegato 1 del “Protocollo circa la ripresa delle celebrazioni con il popolo”, aggiornato al decreto dell’11 giugno 2020.

Linee guida per la celebrazione delle nozze in Chiesa
Per permettere la graduale ripresa delle celebrazioni liturgiche fra cui i matrimoni in Chiesa, sono state redatte una serie di misure necessarie per la sicurezza di tutti gli individui.

 

Accesso ai luoghi di culto in occasione di celebrazioni liturgiche

Gli assembramenti sono vietati pertanto bisognerà accedere alla chiesa con ordine e distanziati. Non si potrà fare il lancio del riso/petali/fiori, a meno che abbiate scelto un matrimonio molto intimo con pochi invitati (che quindi possono stare distanziati).

Fuori dalla Chiesa dovrà essere indicato il numero massimo di persone che vi possono accedere tenendo come distanza un metro sia laterale che frontale. Nel caso di edifici troppo piccoli, o in caso di impossibilità a seguire le norme igienico-sanitarie previste, è possibile spostare la cerimonia all’aperto. Inoltre, è possibile trasmettere la celebrazione in streaming per tutti quegli invitati che sono dovuti rimanere a casa.

L’entrata e uscita dalla Chiesa dovranno avvenire da accessi separati e le mani devono sempre essere igienizzate.

“Coloro che accedono ai luoghi di culto per le celebrazioni liturgiche sono tenuti a indossare mascherine.”

Sarà vietato l’accesso: in caso di sintomi influenzali/respiratori, con una temperatura corporea di 37,5° C o più, o se entrati in contatto con persone positive a SARS-CoV-2 nei giorni precedenti.

 

Igienizzazione dei luoghi e degli oggetti

I luoghi di culto, (sagrestie comprese), siano igienizzati regolarmente al termine di ogni celebrazione. Si abbia, inoltre, cura di favorire il ricambio dell’aria.

Al termine di ogni celebrazione, i vasi sacri, le ampolline e altri oggetti utilizzati, così come gli stessi microfoni, vengano accuratamente disinfettati.

Si continui a mantenere vuote le acquasantiere della chiesa.”

 

Attenzioni da osservare nelle celebrazioni liturgiche

“Per favorire il rispetto delle norme di distanziamento è necessario ridurre al minimo la presenza di concelebranti e ministri.

Può essere prevista la presenza di un organista, ma in questa fase si ometta il coro.

Tra i riti preparatori alla Comunione si continui a omettere lo scambio del segno della pace.“

La distribuzione della Comunione potrà avvenire previa igienizzazione delle mani del sacerdote, indossando guanti e mascherina. Bisognerà anche evitare di venire a contatto con le mani dei fedeli.

Non sarà possibile utilizzare i libriccini pubblici dei canti. Pertanto, se vorrai fornire un aiuto ai tuoi invitati per seguire la cerimonia, ti invito a inserire nei libretti messa anche i testi dei canti. Ogni libretto messa dovrà essere personale.

Sia per i fedeli che per i celebranti è obbligatorio mantenere sempre la distanza di sicurezza e la mascherina (che copra naso e bocca).

Per la celebrazione dei matrimoni in Chiesa, il Ministro incaricato dovrà disporre un luogo apposito areato per la confessione e un luogo ritenuto idoneo per la raccolta delle offerte.

“Il richiamo al pieno rispetto delle disposizioni sopraindicate, relative al distanziamento e all’uso di idonei dispositivi di protezione personale si applica anche nelle celebrazioni diverse da quella eucaristica o inserite in essa: Battesimo, Matrimonio, Unzione degli infermi ed Esequie.“

E’ possibile leggere l’intero protocollo di 169 pagine dedicato alle varie liturgie, ma qui trovi riassunto o riportato tutto ciò che riguarda la celebrazione dei matrimoni in Chiesa.

shabby chic

Come abbiamo visto le celebrazioni sono state regolamentate cosi da permettere alle coppie di celebrare il proprio matrimonio. Una buona notizia dopo un periodo per niente entusiasmante. Però non è l’unica! 

Dopo una bella cerimonia è naturale pensare che la coppia di neo sposi voglia festeggiare il proprio traguardo e quindi vediamo insieme come…

Festeggiare i matrimoni durante il Coronavirus, ecco le linee guida

Alla luce delle nuove indicazioni approvate martedì 9 giugno dalla Conferenza delle Regioni, punto per punto ecco come potranno e dovranno essere organizzati i banchetti delle cerimonie, dunque anche quelli dei matrimoni:

1) Riorganizzare gli spazi, per garantire l’accesso alla sede dell’evento in modo ordinato, al fine di evitare assembramenti di persone e di assicurare il mantenimento di almeno 1 metro di separazione tra gli utenti. Se possibile organizzare percorsi separati per l’entrata e per l’uscita.

2) I tavoli devono essere disposti in modo da assicurare il mantenimento di almeno 1 metro di separazione tra gli ospiti, ad eccezione delle persone che in base alle disposizioni vigenti non siano soggetti al distanziamento interpersonale. Detto ultimo aspetto afferisce alla responsabilità individuale.

3) Laddove possibile, privilegiare l’utilizzo degli spazi esterni (es. giardini, terrazze), sempre nel rispetto del distanziamento di almeno 1 metro.

Uso delle mascherine
4) Gli ospiti dovranno indossare la mascherina negli ambienti interni (quando non sono seduti al tavolo) e negli ambienti esterni (qualora non sia possibile rispettare la distanza di almeno 1 metro). Il personale di servizio a contatto con gli ospiti deve utilizzare la mascherina e deve procedere ad una frequente igiene delle mani con prodotti igienizzanti.

Buffet
5) È possibile organizzare una modalità a buffet mediante somministrazione da parte di personale incaricato, escludendo la possibilità per gli ospiti di toccare quanto esposto e prevedendo in ogni caso, per ospiti e personale, l’obbligo del mantenimento della distanza e l’obbligo dell’utilizzo della mascherina a protezione delle vie respiratorie.

La modalità self-service può essere eventualmente consentita per buffet realizzati esclusivamente con prodotti confezionati in monodose. In particolare, la distribuzione degli alimenti dovrà avvenire con modalità organizzative che evitino la formazione di assembramenti anche attraverso una riorganizzazione degli spazi in relazione alla dimensione dei locali; dovranno essere altresì valutate idonee misure (es. segnaletica a terra, barriere, ecc.) per garantire il distanziamento interpersonale di almeno un metro durante la fila per l’accesso al buffet.

Intrattenimento musicale
6) Per eventuali esibizioni musicali da parte di professionisti, si rimanda alle indicazioni contenute nella scheda specifica. In ogni caso devono essere evitate attività e occasioni di aggregazione che non consentano il mantenimento della distanza interpersonale di almeno 1 metro.

Per i gestori dei servizi
7) Predisporre una adeguata informazione sulle misure di prevenzione da rispettare durante l’evento.

8) Mantenere l’elenco dei partecipanti per un periodo di 14 giorni.

9) Assicurare adeguata pulizia e disinfezione degli ambienti interni e delle eventuali attrezzature prima di ogni utilizzo.

Utilizzo dei guanti monouso
Un’ultima annotazione, di carattere generale, è relativa all’utilizzo dei guanti monouso: “In considerazione del rischio aggiuntivo derivante da un loro errato impiego – si legge nel testo -, si ritiene di privilegiare la rigorosa e frequente igiene delle mani con acqua e sapone, soluzione idro-alcolica o altri prodotti igienizzanti, sia per clienti/visitatori/utenti, sia per i lavoratori (fatti salvi, per questi ultimi, tutti i casi di rischio specifico associato alla mansione)”.

Aspettando il tuo matrimonio

L’espansione del covid-19 ha stravolto i piani di migliaia di coppie italiane, molti sono i matrimoni rimandati e molti quelli annullati.

Sicuramente voi, promessi sposi, avrete molte domande in merito alla situazione e vorrete capire come e quando potrete tornare a sposarvi.

Ecco perché ho deciso di mettere a disposizione questa pagina per raccogliere tutti i vostri dubbi rispetto al matrimonio ai tempi del coronavirus.

LA DATA DI BACKUP

Se i matrimoni previsti entro giugno sono stati rimandati, consiglio a chi ha fissato la data da metà luglio in avanti di tenerla in piedi, per il momento, pur con un punto interrogativo.Tutte le cerimonie, comprese quelle di settembre, devono avere già una data di backup o verso dicembre o direttamente per il 2021. Per noi organizzatori significa tenere in piedi due eventi identici contemporaneamente, con gli stessi fornitori, la stessa location.

ANTICIPI E CAPARRE

Come evitare di perdere le caparre pagate per location, catering o viaggio di nozze? Essere affiancati da un professionista in questi casi aiuta a essere tutelati. A chi ha organizzato tutto in autonomia consiglio di prendere in mano i contratti firmati e leggere bene le clausole sulla disdetta. Bisogna poi risentire i fornitori e scegliere un’altra data. Per prima cosa è consigliabile verificare la disponibilità della location.

LE PUBBLICAZIONI

Meglio ricontattare anche gli uffici del comune dove è prevista la cerimonia. In alcuni casi bisogna rifare l’iter delle pubblicazioni, dipende da quando sono state fatte. Alcune amministrazioni, considerata la situazione eccezionale, prolungano automaticamente la scadenza, ma varia da comune a comune.

IL VESTITO DA SPOSA

Le spose non rischiano di rimanere senza abito bianco. Per l’estate i grossi atelier hanno garantito che non ci saranno ritardi, anche perché sono più scarichi di lavoro a causa dei rinvii primaverili. Per ripartire, comunque, avranno bisogno del doppio del personale perché dovranno lavorare sia alle vecchie commesse che alle nuove. Per chi ancora non ha scelto l’abito dovrebbe essere possibile fare le prove in negozio da metà maggio, anche se con misure di sicurezza.

L'ATTEGGIAMENTO

Voglio dare un consiglio a tutte le coppie: il matrimonio è un momento tanto atteso, è solo posticipato. Quando arriverà il “sì” sarà ancora più carico di enfasi. Non c’è bisogno di abbattersi. Non siete soli, migliaia di futuri sposi sono nella stessa condizione, in tutto il mondo. Concentratevi su quanto sarà emozionante poter finalmente festeggiare.